Showcase: Diggie Vitt

Diggie Vitt is a fine art photographer from Jacksonville, FL. For the past three months he has been traveling the United States completing his 365 project (a photo every day for a year) and has now put down roots in Los Angeles, California. Diggie has also had work featured on My Modern Met, Exposure Guide, 500px, and others.

Interviewed by Quemby Sheree

 [traduzione in italiano in basso]

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

How was your road trip?

Through this journey, I learned a lot about generosity. There are so many people that were willing to help me out, in the most surprising locations too. Now I have multiple homes all over the country. I grew so much as a photographer during this experience, learning how to shoot with so many new landscapes and weather conditions. And now I know exactly where I want to go with my career and how I am going to get there.
I recently read a quote in Portland, Oregon, “Life was uncertain.” Don’t waste any time, go chase your dreams! This quote is also how I like to define some of my photographs. I love to place myself in an uncomfortable situation and emerge from it. So, I like to encourage people move forward, because it always gets better.

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

What direction would you like to go with your career and how do you plan to get there?

I really want to sell my art in galleries and have more magazine features. I also want to rent my own art space to work on bigger projects. I just have to keep creating. After my 365 I will most likely take a short break, and start putting more time and emotion into individual photos. I feel my best work is going to be produced after my 365, I have about 40 days remaining. My advice is to not give up. It’s very easy to quit and move onto something else. I have gained so much experience on the way I think and create; you’re always learning what you want. I recommend everyone should attempt a consecutive project like this to progress.

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

How long have you been photographing? Are you self-taught or formally trained?

I purchased a Canon 7D in 2011 and started teaching myself photography. I was really interested in very technical photoshop manipulations at first, now I have sort of backed away from that and try to create as much as I can in camera.

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

Tell me about these homes you have all over the country. How did you meet some of the people you shot with?

My first stop was in Atlanta, Georgia. There I met a really cool photographer that took me around the city to abandoned schools and warehouses, and we got some great photos! I stayed in a few hostels in Maryland, Chicago, Portland, and in Canada, where I met the amazing photographer, Patty Maher. Some people were generous enough to let me stay in their house without them even present; they just left me a key to get in and out in the morning. I stayed with several friends along the way, my friend works at a ski resort in Steamboat Springs, Colorado, and he managed to get me in to ski for free one day. I stayed with a guy that lives a block away from Hollywood blvd in Los Angeles, and now I am living with him!

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

Why did you settle on Los Angeles?

Los Angeles was an available place to live; it wasn’t a part of the original plan to move here. I planned on moving to Redding, CA. I stayed there for half a month, but things didn’t work out. It’s an amazing place to visit if you get a chance.

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

After the 365 project do you think you will stick to portraiture or concentrate on other subjects?

I’ll continue with the same photo genre I do now, everything will be just a little more planned out.

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

Do you think you will continue to shoot every day?

I probably won’t take a photo EVERY day, but of course still frequently. I want to put more time and emotion into my photos. I may do a 52 week project, but that’s just up in the air.

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

Portland compared with Los Angeles can be a huge culture shock! Did you relate to people from one part of the country more? Maybe you felt more at home in a particular city?

I never really had a culture shock on my trip. I was surprised by how much rain Portland got though, we almost got our VooDoo Doughnuts wet! (note from the interviewer: VooDoo Donuts is a famous and magical donut shop in Portland, Oregon that must be seen to be believed. They are popular for their creative donut toppings and designs) I feel more at home on the west coast, I really enjoy the central states too, but the west coast is just so beautiful! How can people stay inside?

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

Did you have any bad experiences while traveling and can you give other artists any advice for travel and staying in hostels?

The only bad experience I had was getting my knife confiscated by a jerk cop. I crossed the Canadian border with it without any problems, I went to court (for a traffic ticket) without any problems, but Pittsburg bus station has a problem with it! Definitely bring a knife with you if you travel, just keep it in your backpack at a bus station! My advice is to really plan things a month or two ahead of time to save money and have a place to stay every night. I took advantage of websites like couchsurfing and different hostel websites to find free or cheap places to sleep. It’s a safe and great way to meet other travelers. Don’t be scared, they’re completely safe, and some even feed you in the morning!
Make sure you plan everything very well, and early. I saved so much money by traveling via Megabus and Greyhound, reserving the tickets 45 in advance, allowing me to occasionally get bus fares for under $5!

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

 

(c) diggie vitt

(c) diggie vitt

(Images © Diggie Vitt)

More on Diggie Vitt’s work here

-.-

-.-.-

-.-

quenby

Quenby Sheree grew up in Eugene Oregon and now lives in Maitland Florida. She graduated from the Southeast Center of Photography in Daytona Beach in 2012. Quenby was previously a freelance and documentary photographer and now she is the curator/founder of Curating the Unseen as well as editor for Fluster Magazine.

-.-.-

-.-

*

 

-.- -.-

***Italiano***

Traduzione di Alice Pam

Diggie Vitt è un fotografo di Jacksonville, FL. Negli ultimi tre mesi ha viaggiato per gli Stati Uniti completando il suo progetto “365” (una foto al giorno per un anno) e ha ora messo radici a Los Angeles, California. Diggie ha anche lavorato collaborando con My Modern Met, Exposure Guide, 500px, e altri.

Intervista di Quemby Sheree

Come è andato il viaggio?

Attraverso questo viaggio, ho imparato molto sulla generosità. Ci sono così tante persone che hanno voluto aiutarmi, anche nei luoghi più sorprendenti. Ora ho più case (posti che chiamo casa) per tutto il paese. Durante questa esperienza sono cresciuto così tanto come fotografo, imparando come scattare con tanti nuovi paesaggi e diverse condizioni meteo. E ora so esattemente dove voglio andare con la mia carriera e come arrivarci.

Ho letto di recente una citazione a Portland, nell’Oregon, “La vita era incerta.” Non sprecare il tuo tempo, insegui i tuoi sogni! Questa citazione è anche come mi piace definire alcune delle mie foto. Adoro mettermi in situazioni scomode per poi poterne emergere. Così come mi piace anche incoraggiare le persone ad andare avanti, perchè tutto migliora.

Quale direzione vorresti prendere con la tua carriera e come conti di arrivarci?

Voglio davvero vendere la mia arte nelle gallerie e collaborare ancora con le riviste. Voglio anche affittare un spazio per la mia arte dove lavorare su progetti più grandi. Ho solo bisogno di continuare a creare. Dopoil mio progetto “365” prenderò probabilmente una pausa, e comincerò a mettere più tempo ed emozione nelle singole foto. Sento che il mio miglior lavoro verrà prodotto dopo il mio progetto “365”, e mi sono rimasti circa 40 giorni. Il mio consiglio è di non arrendersi. E’ davvero facile lasciare e mettersi a fare qualcos’altro. Ho fatto così tanta esperienza con il modo in cui penso e creo; impari sempre quello che tu vuoi. Raccomando a tutti di tentare un progetto consecutivo come questo, per migliorare.

Per quanto tempo hai fotografato? Sei un autodidatta o hai delle qualifiche?

Ho comprato una Canon 7D nel 2011 e ho iniziato a studiare la fotografia per conto mio. All’inizio ero davvero interessato alle manipolazioni molto tecniche con Photoshop, ora è un po’ come se avessi fatto marcia indietro e cerco invece di creare il più possibile con la macchina fotografica.

Parlami delle case che hai per il Paese. Come hai incontrato alcune delle persone con cui hai scattato?

Il mio primo stop era in Atlanta, in Georgia. Lì ho incontrato un fotografo davvero bravo che mi ha portato in giro per la città, in scuole abbandonate e magazzini, e abbiamo fatto foto grandiose! Sono stato in qualche ostello nel Maryland, a Chicago, Portland e in Canada, dove ho incontrato una fantastica fotografa, Patty Maher. Alcune persone sono state così generose da farmi stare in casa loro anche quando non erano presenti; mi lasciavano semplicemente la chiave per entrare e andarmene la mattina. Sono stato con diversi amici durante il viaggio, un mio amico lavora in un resort sciistico a Steamboat Springs, nel Colorado, e ha fatto in modo che potessi sciare lì gratis per un giorno. Sono stato da un ragazzo che vive ad un quartiere di distanza dall’Hollywood Boulevard a Los Angeles, e ora vivo con lui!

Perchè ti sei trasferito a Los Angeles?

Los Angeles era un posto un buon posto dove vivere; ma trasferirmi qui non era parte del mio piano originale. Avevo pianificato di trasferirmi a Redding, sempre in California. Sono stato lì per metà mese, ma le cose non funzionavano. Se avete la possibilità, è un bellissimo posto da visitare.

Dopo il progetto “365” pensi che ti atterrai ancora alla ritrattistica o ti concentrerai su altri soggetti?

Continuerò con lo stesso genere di foto che faccio ora, e tutto sarà un po’ più pianificato.

Credi che continuerai a scattare ogni giorno?

Probabilmente non farò una foto OGNI giorno, ma certamente scatterò di frequente. Voglio mettere più tempo ed emozione nelle mie foto. Potrei fare un progetto da 52 settimane, ma è ancora tutto campato per aria.

Portland, comparata a Los Angeles, può essere un grande shock culturale! In quale parte del Paese ti sei relazionato di più con la gente? Ti sei sentito di più a casa in qualche città in particolare?

Non ho mai avuto un vero e proprio shock culturale. Ma sono stato sorpreso da quanto piova a Portland, abbiamo quasi bagnato le nostre VooDoo Doughnuts! (nota dell’intervistatore: VooDoo Donuts è un famoso e magico negozio di ciambelle a Portland, nell’Oregon che bisogna vedere  per crederci. Sono famosi per le loro creative glasse sulle ciambelle e il design) Mi sento più a casa nella West Coast, anche se mi piacciono molto gli stati centrali. Ma la costa occidentale è semplicemente bella! Come può la gente restare nell’interno, nella zona centrale, nell’entroterra?

Hai avuto qualche brutta esperienza mentre viaggiavi e puoi dare agli altri artisti qualche consiglio per viaggiare e stare negli ostelli?

L’unica brutta esperienza è stata quando il mio coltello è stato confiscato da uno stupido poliziotto.

Ci ho attraversato i confini canadesi senza alcun problema, ci sono andato in tribunale (per una multa) senza alcun problema, ma la stazione degli autobus di Pittsburg ha un problema con il mio coltello! Di sicuro, se viaggi e porti un coltello con te, tienilo al sicuro nel tuo zaino nelle stazioni degli autobus! Il mio consiglio è di pianificare le cose solo uno o due mesi in anticipo, per risparmiare soldi e avere un posto dove stare ogni notte. Mi sono avvantaggiato con siti come Couchsurfing e diversi siti di ostelli per trovare dei posti economici o gratis. E’ sicuro ed è un ottimo modo di incontrare altri viaggiatori. Non spaventatevi, sono mezzi completamente sicuri, e alcuni ti danno anche la colazione al mattino! Assicuratevi che tutto sia pianificato bene, e in anticipo. Ho risparmiato così tanti soldi viaggiando con Megabus e Greyhound, riservando dei biglietti con 45 giorni in anticipo, e permettendomi di ottenere di tanto in tanto delle tariffe per gli autobus sotto i $5!

Comments
2 Responses to “Showcase: Diggie Vitt”
  1. rsmithing says:

    Brilliant images, and an inspiring approach to creativity through determination and travel.

Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] his 365 journey has ended, Vitt has many new things in store for the future. In an interview with Fluster Magazine, he said, “I really want to sell my art in galleries and have more magazine features. I also […]



Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

    Follow

    Get every new post delivered to your Inbox.

    Join 1,674 other followers

    %d bloggers like this: