Showcase: Martin Stranka

Martin Stranka is a self-taught professional photographer, born on  1984 in Czech Republic. Martin’s distinctive vision of photography etched as a unique space located in a balance and serenity, while his sophisticated and rewarding images exist in that narrow space of a few seconds between dreaming and awakening. During the last two years Martin has gathered over 30 remarkable international photography awards. His solo and group exhibitions were possible to see from South and North America, through Europe up to Asia. His photographs were exhibited in  New York, Los Angeles, Tokyo, Milan, London, Miami, Paris, Dubai, Germany, Prague, Brussels, North Carolina, Hong Kong, Ukraine, Vienna and many more. Martin’s work was presented in prestige galleries such as Getty Images Gallery, Saatchi Gallery and Robert Fontaine Gallery. He has created book covers for the biggest New York publishers like Harper Collins Publishers and Sterling Publishing. Also he has co-operated with other book publishers, music publishers or artists in person around the world.  He loves the smell of autumn and sparkling grains of dust floating in the sunset.

Interviewed by Chiara Costantino

[Traduzione in italiano in basso]

 
 
 

Hi Martin! How did you come to photography?

Well, I would say that photography discovered me. I have never studied photography. I lost one of the closest person in my life (R.I.P) 6 years ago and I felt like I had to express my self somehow. I felt like I needed to find something like a “valve”. So I started taking photos and somehow it worked. At the beginning I took it as  a therapy which became my passion. So it is quite weird and strange saying that this accident inspired me, but this is only the way  I was involved into photography. Now I feel it is still my base of my inspiration, but daily usual moments become my inspiration too. Something like dust grains floating in the light of sunset – wow, thats something what I could stare at for ever. Or the smell of the autumn – those short 3-4 weeks when the nature is preparing for sleep, all those leaves falling from the trees, this is it. I know it could sound quite silly and childish, but I love these daily moments.

Who are your favourite artists? Did they influence your work?

Yes, there are some artists I really admire. My biggest muse are Shana and Robert ParkeHarrison. I am so amazed by their visions. I love how they connect modern people mostly worn in suits with the purity of nature. Last days I was so much inspired of one painter – Xhxix. It is something new for me with really deep feelings and meaning for me.

Recently you were awarded a honorable mention by IPA. What is that and what does this award mean for you?

Movies have Oscars, Photos have IPA. I was awarded Honorable Mention Award in Fine Art category for the winning entry triptych “Forgotten Road”. The 2012 International Photography Awards received nearly 18,000 submissions from 104 countries across the globe. Jury panel was comprised of over 80 international photography professionals. IPA is a sister-effort of the Lucie Foundation. The Foundation’s mission is to honor master photographers, to discover new and emerging talent and to promote the appreciation of photography. Since 2003, IPA has had the privilege and opportunity to acknowledge and recognize contemporary photographer’s accomplishments in this specialized and highly visible competition. Well, this is the second time I won an award in IPA. I won also 1.st place in 2010. It means a lot to me. I won over 30 international awards during last 2 years, but honestly I appreciate every single of them.

You wrote that your works exist “in that narrow space of a few seconds between dreaming and awakening”. Please explain that.

Yeah, I try to capture my inner world and I always live on the line between dreams and awaking. This narrow line when you are not sure if you are dreaming or if it is reality. Humans mind is really fragile but thanks to it I can live somewhere when you have foot in both worlds.

I love your dim colours and the light you choose for your pictures. Why do you use them?

Honestly I don’t know. Taking photos and the whole creative process is something I can’t desribe. Lots of people ask me why I do this and that, where I find all inspiration, why I take photos, etc. I mentioned why I started taking photos and this is one of my biggest inspiration and needs to express myself. But if I have to answer – I always try to capture my dreams and as we all know our dreams are quite dim, unclear and darkened as well. I am a quite optimistic person in private life but I think our inner world is full of emotions and they are more melancholic.

Many of your characters are on a road, but suspended in midair. Their eyes are closed or maybe they are just staring at the ground. Tell us why.

I was thinking about this question few months ago too. The answer is quite simple. People are tied to material world. We live in material world and consumer society. We have to stay tightly on the ground if we want to “survive”. Somehow I don’t find it. The “defying gravity” is not regarding physical world but the mental one. Like I want to cut myself from the material stuff. Those few centimeteres above the ground show purity and freedom. It is like you are not bound to conventions. It is quite difficult to explain, but I hope you understand what I mean.

By the way, who are your models?

They are all my friends or people close to my heart. I don’t work with professional models because I don’t know them and I need to know them as much as I can. All my photos are connected to emotions and I need to feel them during the photoshooting. That’s why I choose my friends.

Analogue or digital?

Digital.

What do you think about photomanipulation? Do you use it?

There are always two groups of people. One of them accept and use software like Photoshop for final touch and a power tool for finalize the idea that born in your head. And the other one who declines any kind of postprocess. I belong to the first one.

How did Internet help you as an artist?

Well, I can’t imagine a day without internet. But the internet cannot help you being more successful on the other hand. It is still about your art, your visions, your own creativity. There are so many photos on the internet – so artists should be unique as much as they can. That is the key to success. Internet only helps you to be more visible.

What does your work mean for you and what is on your mind while you are taking a photograph?

I never studied photography. For myself it is a kind of diary and its pages are parts and moments of my life. Each photograph is a separate element of my photographs and it still fits in the same coherent body of my work. My personal inner world drives me forward. I’ll take pictures until I will have the need to materialize my dreams, shows my reality, thoughts and communicate with myself.

What is your next goal?

Honestly? Only being happy. Thats my one and only plan.

(Images © Martin Stranka)

More of Martin Stranka’s work here

 

**Italian Translation**

by Chiara Costantino

Martin Stranka è un fotografo autodidatta, nato in Repubblica Ceca nel 1984. La visione particolare che Martin ha della fotografia si imprime nella memoria come uno spazio unico, situato in equilibrio e serenità, mentre le sue immagini sofisticate e ricche esistono in quello spazio ristretto di pochi secondi, tra il sogno e la veglia. Durante gli ultimi due anni, Martin ha collezionato oltre trenta notevoli riconoscimenti internazionali. Le sue mostre personali e di gruppo sono state organizzate in Sud e Nord America, attraverso l’Europa fino all’Asia. Le sue foto sono state esposte a New York, Los Angeles, Tokyo, Milano, Londra, Miami, Parigi, Dubai, Germania, Praga, Bruxelles, Nord Carolina, Hong Kong, Ucraina, Vienna e molti altri posti. Il lavoro di Martin è stato presentato in gallerie di prestigio come Getty Images Gallery, Saatchi Gallery e Robert Fontaine Gallery. Ha realizzato copertine per libri per i più grandi editori di New York, come Harper Collins Publishers e Sterling Publishing. Ha anche collaborato con altri editori, discografici o artisti in persona in giro per il mondo. Ama il profumo dell’autunno e i granelli luminosi di polvere che galleggiano nel tramonto.

Ciao Martin! Come sei arrivato alla fotografia?

Beh, direi che la fotografia mi ha scoperto. Non ho mai studiato fotografia. Ho perso una delle persone più care della mia vita sei anni fa, e sentivo la necessità di esprimere me stesso in qualche modo. Avevo bisogno di trovare qualcosa che fungesse da valvola di sfogo. Così iniziai a scattare foto e in qualche modo funzionò. All’inizio, lo presi come una sorta di terapia, che divenne la mia passione. Dunque è abbastanza strano e insolito dire che questa casualità mi abbia ispirato, ma è il solo modo in cui ho iniziato a occuparmi di fotografia. Ora, sento che è ancora la mia fonte di ispirazione, ma i momenti d’ogni giorni diventano altrettanto ispiranti. Qualcosa come i granelli di polvere che fluttuano nella luce del tramonto – wow, è qualcosa che starei a fissare per sempre. O l’odore dell’autunno – quelle brevi tre, quattro settimane quando la natura si sta preparando per il riposo, tutte quelle foglie che cadono dagli alberi, questo è quanto. So che potrebbe suonare un po’ ridicolo e infantile, ma amo questi momenti quotidiani.

Chi sono i tuoi artisti preferiti? Hanno influenzato il tuo lavoro?

Sì, ci sono alcuni artisti che ammiro davvero. Le mie muse principali sono Shana e Robert ParkeHarrison. Sono così sbalordito dalle loro visioni. Amo il modo in cui collegano le persone dei nostri tempi, per lo più vestite in giacca e cravatta, con la purezza della natura. I giorni passati ero così ispirato da un pittore – Xhxix. E’ qualcosa di nuovo per me, con sentimenti molto profondi e significato.

Di recente hai ricevuto una menzione onoraria dall’IPA. Cos’è e cosa significa per te questo premio?

I film hanno gli Oscar, le foto hanno gli IPA. Sono stato premiato con una menzione onoraria nella categoria Arti figurative per l’opera vincente, il trittico “Forgotten Road”. Gli International Photography Awards del 2012 hanno ricevuto circa 18.000 contributi da 104 paesi in giro per il mondo. La giuria era composta da oltre 80 fotografi professionisti internazionali. L’IPA è un progetto parallelo della Lucie Foundation. La missione della Fondazione è di premiare grandi fotografi, scoprire nuovi talenti emergenti e promuovere la fotografia. Dal 2003, l’IPA ha avuto il privilegio e l’opportunità di riconoscere i risultati di fotografi contemporanei attraverso questa competizione specialistica e dalla enorme visibilità. Comunque, questa è la seconda volta che vinco un premio dell’IPA. Ho vinto anche il primo premio nel 2010. Significa molto per me. Ho vinto oltre 30 riconoscimenti internazionali negli ultimi due anni, ma onestamente apprezzo ognuno di essi.

Hai scritto che i tuoi lavori esistono “in quello spazio ristretto di pochi secondi tra il sogno e la veglia”. Per favore spiegalo.

Sì, provo a catturare il mio mondo interiore e vivo sempre sulla linea di confine tra i sogni e la veglia. Questa linea sottile, dove non sei certo di star sognando o se quella è la realtà. La mente umana è veramente fragile ma, grazie a questo, posso vivere in qualche luogo in cui è possibile stare con un piede da una parte e uno dall’altra.

Amo i tuoi colori scuri e la luce che scegli per le tue foto. Perché li usi?

Onestamente non lo so. Scatto fotografie e l’intero processo creativo è qualcosa che non riesco a descrivere. Un sacco di gente mi chiede perché faccio così e cosà, dove trovo tutta l’ispirazione, perché scatto foto e così via. Ho citato il perché ho iniziato a fare foto e questa è una delle mie fonti d’ispirazione principali e bisogno d’esprimermi. Ma se devo rispondere – provo sempre a catturare i miei sogni e come tutti sappiamo, i nostri sogni sono abbastanza oscuri, poco comprensibili. Sono una persona fondamentalmente ottimista nella vita privata ma penso che il nostro mondo interiore sia pieno di emozioni ed esse sono più malinconiche.

Molti dei tuoi personaggi sono su una strada, ma sospesi a mezz’aria. I loro occhi sono chiusi o forse stanno solo fissando il suolo. Dicci perché.

Stavo pensando a questa domanda anche alcuni mesi fa. La risposta è abbastanza semplice. Le persone sono legate al mondo materiale. Viviamo nel mondo materiale e nella società dei consumi. Dobbiamo stare fissi al suolo se vogliamo sopravvivere. In una certa maniera non lo capisco. La sfida alla gravità non riguarda il mondo fisico ma quello mentale. Come se volessi strapparmi dal materiale. Quei pochi centimetri sopra il livello del terreno mostrano la purezza e la libertà. E’ come se non fossi vincolato alle convenzioni. E’ un po’ difficile da spiegare, ma spero che tu capisca ciò che voglio dire.

A proposito, chi sono i tuoi modelli?

Sono tutti miei amici o persone a me care. Non lavoro con modelli professionisti perché non li conosco e ho bisogno di conoscerli più che posso. Tutti i miei scatti sono collegati alle emozioni e ho bisogno di sentirle durante la fotosessione. Questo è il motivo per cui scelgo i miei amici.

Analogico o digitale?

Digitale.

Cosa pensi della fotomanipolazione? La usi?

Ci sono sempre due categorie di persone. Una accetta e usa programmi come Photoshop per il ritocco finale e per avere strumenti potenti per affinare l’idea che ti spunta in mente. E l’altro che rifiuta ogni genere di post-produzione. Io appartengo alla prima categoria.

Internet come ti ha aiutato in quanto artista?

Beh, non riesco a immaginare un giorno senza internet. Ma internet non può aiutarti ad avere più successo d’altro canto. E’ sempre qualcosa connesso alla tua arte, alle tue visioni, alla tua creatività personale. Ci sono così tante foto su internet – così gli artisti dovrebbero essere più unici possibile. Questa è la chiave per il successo. Internet ti aiuta soltanto ad avere più visibilità.

Cosa significa per te il tuo lavoro e cos’hai in mente mentre scatti una fotografia?

Non ho mai studiato fotografia. Per me rappresenta una specie di diario, e le pagine di diario sono parti e momenti della mia vita. Ogni fotografia è un elemento a se stante tra gli altri, eppure si inserisce nello stesso corpus coerente del mio lavoro. Il mio mondo interiore personale mi conduce in là. Scatterò foto finché sentirò il bisogno di dare forma ai miei sogni, di mostrare la mia realtà, pensieri e di comunicare con me stesso.

Qual è il tuo prossimo obiettivo?

Onestamente? Soltanto essere felice. Questo è il mio solo e unico obiettivo.

Comments
One Response to “Showcase: Martin Stranka”
  1. very nice. I like the colors, the floating, the movement.

    sometimes the feeling of being pulled, against our wills; sometimes, maybe defying gravity;
    other times breaking through barriers. But a lot of constraint in these shots, a lot of control, and sadness or being overpowered. A sort of zombie floating constrained living. Randy

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

    Follow

    Get every new post delivered to your Inbox.

    Join 1,678 other followers

    %d bloggers like this: