Showcase: Ian Brumpton ‘s Street Photography

Ian Brumpton is originally from Newcastle-on-Tyne and he is now based in London (UK).
Throughout his life Ian has always been a great people watcher and that is what drew him to Street Photography. Whilst  this genre is his number one passion, Ian also does cinema and theatre still work, stock photography and photojournalistic/documentary projects. But it is passion for “the challenge of trying to capture a few sparkling moments from the chaotic world that passes by us each and every day in a candid photograph” that makes him one of the most followed street photographers in the internet photocommunities.

[Traduzione in italiano in basso]

Who is Ian Brumpton? Tell us a bit about your background.

I’m originally from Newcastle-on-Tyne and came down to London nearly 20 years ago in search of warmer weather and a few other things. My background is fairly ordinary Mum was a Typist and Dad used to put up telegraph poles for British Telecom, we never had a lot of money but I certainly enjoyed my childhood. Mostly my working career has been in marketing, though I have a degree in International Politics…  Marketing is still my day job, I currently work for a Law Firm and very much enjoy it. I first started taking photography seriously in 2009 when I bought my first Rangefinder and I’ve been hooked on street photography ever since. Last year my photos started to get a bit of attention which is nice and hopefully I can progress that this year and have an exhibition to build on the press coverage I’ve had recently. In general I’m a pretty creative person I’ve also worked as copywriter and written for TV and the Theatre with varying degrees of success :)



Why did you choose to shoot street photography? What`s the aspect you like the most?

I started to shoot on the street regularly the beginning of 2009 so I’m a relative newbie. I’d say the reason I take photographs is the same reason why I used to write, I’m interested in ordinary people and their stories and photography is another medium to tell and share the stories that you see in front of you each day, compared to writing it has a lot more immediacy and thanks to sites like Flickr it’s easy to share your work and get feedback from your peers. I’d always been interested in looking at street photography and also documentary photography, Don McCullin I loved – especially his book ‘In England’ lesser known than his war reportage and also a local guy in Newcastle, Jimmy Forsyth a half-blind photographer who documented the West End of Newcastle beautifully in the fifties and sixties. His work was only discovered when he was in his seventies, but I was lucky enough to met him a couple of times and he was a great inspirational character. There’s link to some of my favourite photographers on my website. What I like most about street photography is the enormity of the brief and the magnitude of the challenge, so much you can possibly shoot but still so hard to regularly produce interesting and distinctive images that please both yourself and a wider audience, whilst telling a story.



Tell us a story about one of your pictures? What is your favourite shot and why?

It’s “To a Better Place” [above] one of my post popular images and was taken in the Turbine Hall in the Tate Modern Gallery. It came at a very difficult time for me in 2009 when my Mum had just died after a long battle with cancer, I set myself a challenge to take a picture that I could dedicate to her memory and this was the one that I think fitted the bill. It’s my greatest regret that she didn’t live long enough to see my work getting some recognition – she would have loved that – and she still inspires me. I take a lot of high contrast images and I like strong compositions, everyone has a few images they really love and I must admit that with this photo I still look at it sometimes and think, did I really take this ?


Do you think that the privacy obsession and the fear of terrorist threats of the last years have made  life  more difficult for street phographers? Have you ever had any problems?

I would say the privacy obsession is more of a problem, France & Germany and many other countries now have quite draconian laws on taking photographs of strangers on the street. In the UK I don’t the problem is so great, the police did have a very suspicious approach in London towards photographers but the advice they were working with has now been relaxed and they don’t seem to hassle photographers anymore. Probably the greatest taboo at the moment is in taking candid photographs of children, which all the great street photographers have done through history but is now viewed with a great deal of suspicion. It’s a difficult issue and most of the street photographer’s I’ve spoken to about it seem to practice a form of self-censorship in the images they take to avoid the potential of an ugly scene resulting from parents or others reacting badly out of suspicion of their motives. Personally I very rarely have a problem, though I only use a small camera and I tend not to stand around in one spot, if I had a long lens and shot in one location for a long time I’m sure I would get more grief ! Very occasionally people have asked him to delete shots and I’m happy to oblige them if that’s how they feel.

What makes a “decisive moment” for you? And how do you get it ?

What defines the ‘decisive moment’ is still hotly debated in may a street photography group, for me it’s about spotting an interesting scene that’s unfolding before you, it could be one person, a group of people interacting, a dramatic shadow or something just plain unusual – and capturing it at the right moment in a way that will be visually interesting, memorable and distinctive. I rarely stand around and wait for a specific shot; timing is all important. I guess it’s down to practice in reading the scene around you and spotting something interesting, which of course is different for each of us. Like every other photographer, I miss plenty great shots by a split second and you rarely get a second chance!  I’m a Virgo by star sign, key traits being tidy and orderly and many of my compositions are, perhaps sometimes too much. I try and work in a good backdrop and good dark-light contrasts as well as a compelling subject, that’s the ambition anyway!

Classic street photography was shot in B&W, most of your work is  in B&W.  Is just an aesthetic reason or there is something else? Can street photography be in colours?

A great photo is a great photo regardless of the format; and of course street photography works just as well in colour. I choose to work in black and white for a few reasons which are mostly based around aesthetic preference. Nearly all the photographers I most admire have worked primarily in black and white and personally I prefer its neutrality when photographing candid street scenes. In terms of applying a recognisable style to my own work, I have also found that easier to achieve in black and white. Though I have no plans to abandon black and white, I certainly wouldn’t rule out working in color in the future. If you go back to the 1970′s ‘serious work’ was shot in b&w and colour was seen as inferior in revealing the human soul, no doubt the circle of fashion will keep on spinning for a few more years – maybe we’ll all have 3D Cameras next Christmas:)

When I did take pictures regularly in color, I found it much more difficult to compose an interesting frame free of any distractions. If someone in the background of your frame has pink hair, then the viewer’s eye is inevitably drawn there, whether they are the focus of your shot or not; working in black and white obviates this. If I’m honest, working in color did also skew my choice of shots. If you’re not careful, you spend your time waiting for people that stand out from the crowd purely in terms of colour: a lady with red shoes, a couple of pink poodles, etc. and ignore more interesting subjects because they’re wearing dull colours.



Who is your inspirationin  photography?

I’ve mentioned a few already (whoops) but Jim Goldbergis very hard to beat, I like everything about his work and how he approaches his subjects, if I had the funding I’d like to work on my own large scale projects in a similar vein. For those who don’t know him he is a Magnum photographer, I lke especially his two series ‘Open See’ and ‘Rich & Poor’ both of which are available as books. I also follow a number of great photographer’s on Flickr and many of them have become friends in the last few years – so for obvious reasons I won’t pick out the names of my favourites, in any case there are too many:)

What`s the question you wish I had asked? …and what is the answer?

I would have asked ‘Is street photography on the up or on the way out?’ The answer in the UK anyway is definitely on the up, whenever I go out to shoot in London now I see more new faces out there, some of them hiding in bushes or behind lamp-posts with a telephoto lens:) but all of them undoubtedly shooting street and that’s great. There’s been a lot of exhibitions in London over the last year looking at the best of Street Photography so hopefully the genre will go strongly forwards and keep it in the public eye and maybe us Street Photographers will find it a bit easier in future to get work exhibited and even sell a few more prints:) I think there is demand and appreciation from the public for good street photography and I’d love to see more exhibition spaces to open up, the internet is great for sharing images but there’s still a lot to be said for viewing someone’s work at leisure in a gallery, and from all those gallery visitors comes the next generation of photographers.

(Images © Ian Brumpton)

More of Ian’s work here

**Italiano**

Traduzione di Chiara Costantino
 

Chi è Ian Brumpton? Raccontaci un po’ di te e della tua storia

Sono nato a Newcastle-on-Tyne e mi sono trasferito a Londra circa vent’anni fa in cerca di un clima
più mite e di altre cosucce. La mia storia è abbastanza ordinaria: mia mamma era dattilografa e
papà tirava su pali del telegrafo per la British Telecom, non abbiamo mai navigato nell’oro ma di
sicuro ho vissuto un’infanzia serena. La mia carriera lavorativa si è svolta per lo più nel marketing,
nonostante avessi conseguito la laurea in Politiche Internazionali… Il marketing è ancora il mio
lavoro di ogni giorno, attualmente sono impiegato presso una compagnia legale e mi piace molto.
Ho iniziato a prendere sul serio la fotografia nel 2009, quando comprai il mio primo telemetro,
da allora mi sono sempre dedicato anima e corpo alla fotografia di strada. Lo scorso anno le mie
foto hanno riscosso un po’ d’attenzione, il che è bello e si spera che possa aumentare quest’anno e
mettere su una mostra, per consolidare la copertura mediatica che ho avuto di recente. In generale,
sono una persona abbastanza creativa: ho lavorato anche come redattore pubblicitario e scritto per la
tv e il teatro con vari gradi di successo :)
Perché hai scelto di fare fotografia di strada? Qual è l’aspetto che ti piace di più? Quando hai
iniziato?

Ho iniziato a realizzare scatti per strada con regolarità all’inizio del 2009, quindi sono più o meno
un novellino. Direi che il motivo per cui faccio foto è lo stesso per cui mi dedicavo alla scrittura,
sono interessato alla gente comune e alle loro storie e la fotografia è un altro mezzo per raccontare
e condividere le storie che ti vedi di fronte ogni giorno, paragonata alla scrittura è molto più
immediata e grazie a siti come Flickr è facile condividere il tuo lavoro e ottenere un riscontro
dai tuoi colleghi. Sono sempre stato interessato alla fotografia di strada e anche alla fotografia
documentaria, adoravo Don McCullin – specialmente il suo libro “In Inghilterra” meno noto del
suo reportage di guerra e anche un ragazzo della zona di Newcastle, Jimmy Forsyth, un fotografo
ipovedente che ha raccontato divinamente il West End di Newcastle negli anni ’50 e ’60. Il suo
lavoro è stato scoperto soltanto quando aveva settant’anni, ma sono stato fortunato abbastanza
da incontrarlo un paio di volte, era un personaggio davvero ispirante. C’è un link ad alcuni dei
miei fotografi preferiti sul mio sito. Ciò che mi piace di più della fotografia di strada è l’enormità
del compito e la vastità della sfida, così che puoi fare tantissime foto, eppure è difficile produrre
in maniera regolare immagini interessanti e caratteristiche, che piacciono sia a te stesso, sia a un
pubblico più ampio, e al contempo raccontano una storia.

Dicci una storia riguardo una delle tue foto, qual è il tuo scatto preferito e perché?
“To a better place – Verso un posto migliore”
(vedi sopra)

E’ una delle mie immagini più famose ed è stata scattata nella Turbine Hall della Tate Modern
Gallery. Fu fatta in un periodo molto difficile per me, nel 2009, quando mia madre era morta da
poco dopo una lunga battaglia contro il cancro, mi sono posto la sfida di scattare una fotografia che
potessi dedicare alla sua memoria e questa è stata quella che penso abbia
raggiunto lo scopo. Il mio più grande rimpianto è che lei non abbia vissuto abbastanza da poter
vedere il mio lavoro ottenere un qualche riconoscimento – ne sarebbe stata entusiasta- ancora
adesso mi ispira. Scatto tantissime immagini dal forte contrasto e mi piacciono le composizioni
forti, ognuno ha poche immagini che ama sul serio e riguardo questa foto, devo ammettere che a
volte la guardo ancora e penso, l’ho scattata davvero io?
Pensi che l’ossessione per la privacy e la paura di minacce terroristiche degli ultimi anni abbiano reso la vita più difficile per gli Street Photographers? Hai mai avuto problemi di questo tipo?

Direi che l’ossessione per la privacy è più di un problema. Francia, Germania e molti altri paesi
adesso hanno leggi eccessivamente dure riguardo lo scattare foto a estranei per strada. Nel Regno
Unito non credo che il problema sia così grave, la polizia a Londra aveva un atteggiamento molto
sospettoso nei confronti dei fotografi ma le istruzioni in base alle quali lavoravano ora sono state
ammorbidite e sembra che non diano più noie ai fotografi. Probabilmente, il più grande tabù del
momento consiste nello scattare foto di nascosto ai bambini, cosa che tutti i più grandi fotografi di
strada hanno fatto nel corso della storia ma che ora è guardato con un bel po’ di sospetto.
E’ una questione spinosa e la maggior parte dei fotografi di strada con cui ne ho parlato sembra
che pratichi una sorta di auto-censura nelle immagini che scattano, per evitare l’eventualità di una
scenata da parte dei genitori o di terzi, risultato di una cattiva reazione dettata da sospetti verso le
motivazioni della fotografia. Personalmente, di rado ho problemi, tuttavia utilizzo solo una piccola
fotocamera e tendo a non gironzolare nello stesso punto, se avessi un teleobiettivo e fotografassi in
un solo luogo per tanto tempo, sono certo che avrei molte più grane! Molto di rado della gente mi
ha chiesto di cancellare degli scatti e sono felice di accontentarli se è ciò che credono.

Cosa rende un “momento decisivo” per te? E come lo catturi?

Ciò che definisce un “momento decisivo” è ancora ampiamente dibattuto nella cerchia dei fotografi
di strada, per me significa individuare una scena interessante che ti si sta svolgendo dinnanzi,
potrebbe essere una persona, un gruppo di persone che interagisce, un’ombra spettacolare o
qualcosa di meramente insolito – e catturarlo al momento giusto in un modo che sia visivamente
interessante, memorabile e caratteristico. Di rado gironzolo e aspetto uno scatto specifico, scegliere
il momento adatto è fondamentale. Credo si possa riassumere il tutto nel provare a leggere la
scena che ti si presenta intorno e individuare qualcosa di interessante, che ovviamente è diverso per
ognuno di noi. Come ogni altro fotografo, perdo molti grandi scatti per una frazione di secondo e
di rado ti capita una seconda possibilità! Il mio segno zodiacale è vergine, i cui tratti distintivi sono
l’essere ordinati e curati come molte delle mie composizioni, a volte forse troppo. Provo e lavoro su
un buono sfondo e buoni chiaroscuri, così come su un soggetto irresistibile, questa perlomeno è la
mia aspirazione!

La  Street Photography classica era in bianco e nero, la maggior parte dei tuoi lavori sono
in bianco e nero. E’ solo una questione estetica o c’è altro? Può la Street Photography essere a colori?

Una grande foto resta una grande foto indipendentemente dal formato; a di certo la fotografia di
strada lavora bene lo stesso con il colore. Scelgo di lavorare in bianco e nero per alcune ragioni che
sono basate per lo più su preferenze di carattere estetico. Quasi tutti i fotografi che ammiro di più
hanno lavorato principalmente in bianco e nero e a livello personale, preferisco la sua neutralità
quando fotografo semplici scene di strada. Riguardo l’applicare uno stile riconoscibile al mio
lavoro, ho anche scoperto quanto sia più semplice raggiungere quest’obiettivo in bianco e nero.
Sebbene non abbia in mente di abbandonare il bianco e nero, di certo non escludo l’idea di lavorare
con il colore in futuro. Se pensi agli anni ’70, il “lavoro serio” era fatto in bianco e nero e il colore
era considerato inferiore nella capacità di svelare l’animo umano, non c’è dubbio che questa moda
continuerà per un altro po’ di anni – forse avremmo delle fotocamere 3D per il prossimo Natale :)

Quando scattavo usando il colore con regolarità, trovavo molte più difficoltà nel comporre un
quadro interessante, privo di ogni distrazione. Se qualcuno, nello sfondo dell’inquadratura, ha i
capelli rosa, beh allora l’occhio dello spettatore è inevitabilmente pilotato su quel dettaglio, sia che
rappresentino il cardine della tua foto, sia il contrario; lavorare in bianco e nero ovvia il problema.
Se posso essere onesto, lavorare con il colore inoltre distorce la mia scelta degli scatti. Se non fai
attenzione, passi il tempo aspettando qualcuno che spicchi in mezzo alla folla semplicemente in
termini di colore: una donna dalle scarpe rosse, una coppia di barboncini rosa, e così via, e ignori
soggetti più meritevoli perché indossano colori spenti.

Chi è la tua fonte di ispirazione nella fotografia?

Ne ho già menzionati alcuni (ops) ma Jim Goldberg è davvero un mostro sacro, mi piace ogni
cosa del suo lavoro e il modo in cui si accosta ai soggetti, se ne avessi la possibilità economica, mi
piacerebbe lavorare sui miei stessi progetti in larga scala con uno spirito simile. Per coloro che non
lo conoscono, è un fotografo della Magnum, mi piacciono in particolar modo le sue due serie “Open
See” e “Rich&Poor”, entrambe sono disponibili su catalogo. Seguo anche una nutrita schiera di
grandi fotografi su Flickr e con molti di loro siamo diventati amici negli ultimi anni – così, per ovvi
motivi, non tirerò fuori adesso i nomi dei miei preferiti, in ogni caso sono troppi :)

Qual è la domanda che ti sarebbe piaciuto ti avessi posto? …e qual è la risposta?

Avrei chiesto: “La fotografia di strada è in ripresa o sta passando di moda?” La risposta nel Regno
Unito è che è sicuramente in ripresa, ovunque vada a fare foto a Londra, ora vedo sempre più
facce nuove in giro, alcuni nascosti nei cespugli o dietro i pali della luce con un teleobiettivo :)
, comunque ognuno di loro senza dubbio fotografa la strada e questo è grandioso. Ci sono state
un sacco di mostre a Londra lo scorso anno, che mettevano in evidenza il meglio della fotografia
di strada, così si spera che questo genere farà tanta altra strada e resterà nel mirino del grande
pubblico, forse in futuro i fotografi di strada riusciranno in modo un po’ più semplice a far esporre
le loro opere e anche a vendere un po’ più di stampe :) Penso che ci sia domanda e apprezzamento
da parte del pubblico di una buona fotografia di strada e sarei entusiasta di vedere aprire più spazi
per le installazioni, internet è una risorsa eccezionale per la condivisione di immagini, ma c’è
ancora molto da dire per vedere il lavoro di qualcuno con comodo in una galleria, e da tutti quei
visitatori di gallerie proviene la prossima generazione di fotografi.

More of Ian’s work here

Comments
5 Responses to “Showcase: Ian Brumpton ‘s Street Photography”
  1. The black and white is great. Makes the street shots all the more interesting, whereas color would have detracted from the scenes; each pic tells a story and I found myself staring into each aspect of the shot wondering about this or that, Ian has a great sense of photographic timing, patience, luck, and must have a lot perseverance to get some shots like these. great work.

  2. Thanks very much for your comment Randy – glad you like them!

  3. Street Shutter says:

    Get your street photography noticed, join http://www.streetshutters.com the only social network for street and film photography.

  4. rorygatfield says:

    A nice documentation of life.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

    Follow

    Get every new post delivered to your Inbox.

    Join 1,673 other followers

    %d bloggers like this: