Showcase: Joseph Myers

Joseph Donald Myers was born in Chicago Heights, Illinois during an especially wintry January day in the year of our Lord, 1976. From an absurdly young age he has been fascinated and terrified by the things that only exist in the dark corners of his subconscious.
Until recently, most of these things have been safely locked away. However, following the passing of his beloved mother in July 2008, the demons emerged, as if on cue.
Joseph is married to an amazing woman and has three wonderful boys. They currently live in the small Wisconsin village known as Grafton.
Joseph hopes to someday die and see what all the fuss is about.

Interviewed by Giulia Bertelli

[Traduzione italiana in basso]

First of all, I’m really glad I can interviw you: your work and what you said about it and about your experience are great.
So now we can start.
When and why did you start making art?

That’s a good starting point! Well, I’ve been making art for as long as I can remember. I have very vivid memories of constantly drawing at a very young age… as soon as I could pick up a crayon, I suppose, is when I began. As far as the “why” is concerned, that is a question I still ask myself. I think I’m getting closer to that answer every day. It’s something that is as much a part of me as breathing or eating. Art is something I need to do in some form or I won’t be very happy… I took a very long break from art (about 10 years) in order to focus on my alcoholism, but that is an interview for another time!

To use one’s own fears is something that the artists made in their art from ever, but if I look among your works they seem more filled with fears. Do you have any idea why?

For whatever reason, I have always been fascinated by death, not to mention terrified of it. My mother, who passed away 4 years ago, was always honest about mortality and the realities of life and how we should live each day to its fullest and all of that amazing stuff, so I was raised with the constant acceptance of the inevitability of death. After she passed, I poured all of my grief and sadness and fears from childhood and adulthood into this form of digital art. Seems as though I had quite a bit of it bottled up inside of me! I realized almost immediately that her death was a catalyst of sorts that helped stoke the creative fire inside of me that had been smoldering for so many years.

 

For your kind of art you use a lot of photoshop, of course, have you ever made a real collage?

Oddly enough, I have never made a “real” collage. My entire artistic life has been divided into two halves: Before and after Photoshop. Before Photoshop there were pencils and pens (lots of pens) and pastels and some paint, but after I discovered the unique magic that occurs when you start “painting” with pixels and the “happy accidents” that occur when you blend Photoshop layers… there was no turning back. I still draw quite a bit, but I scan those drawings and use them in my digital collages. It’s hard to explain what happens when I get lost in the creation of a piece, but at a certain point, I stop being conscious of my mouse movements and just let things flow. It’s almost as if I’m in a mild sort of trance. It’s amazing. And I don’t think that specific magic is possible without the aid of a competent computer (iMac, in my case) and access to the internet and its infinite bounty of images.

I think a real artist is someone that puts all himself in what he does. Through what you say you are one of them. Do you see yourself as an artist too?

This is an interesting question, because I have always fancied myself as an “artist”. But only recently have I truly felt that I have been creating artwork that really speaks to people, moves people in such a way that I now think I’ve reached a different level of creativity. By no means do I want to compare myself to any other artist, but I find that many of my fans grew up loving the work of Salvador Dali (one of my main inspirations) and have compared some of my imagery to what he so masterfully accomplished. I think he was in a magical place when he created his amazing art, and I’d like to think that I’m tapping into that same creative vein. And I also use my own body (mainly my mouth, teeth, eyes and hands) quite a bit in my work. Thanks to the beauty of the computer’s built-in camera, I can photograph myself in real time while creating a piece if I’m trying to capture something that I cannot find anywhere else.

You said you are left-handed but your work at the computer is made using your right hand. So, is your art more creative or more mathematical?

A great question, and one that I have been pondering for years. I think that, due to my training as a graphic designer, I forced myself to use my right hand for all mouse-related activities. And as we know, the right hand is controlled by the left half of the brain. Left-brained activities tend to be more organized and mathematic in nature, so all of the work that I do on the computer has a certain “exactness” to it. But at the same time, as a left-handed writer and drawer, I noticed that I was able to achieve great “artistic” results with a mouse using only my right hand. Whether or not this was the brain compensating for the lack of left-handed (right-brained) creativity, I do not know. Once again, there is an almost supernatural quality to the artistic process that is hard to put a finger on. So I’d say it’s almost equal parts math and creativity… but the line between those two concepts keeps getting blurrier and blurrier.

 

Tell me one thing that someone has to know before seeing your works.

Enter my world with an open mind and you should be just fine…

Do you ever scare yourself with your art?

Definitely… but it’s getting harder and harder to scare myself these days. That’s why I try to do something completely different with each piece. One of my latest works, “Where Love Resides” actually managed to make me cry a little bit. As a father of 3 amazing young boys, the thought of losing them is one of the scariest things I can imagine. And this piece pulled no punches as far as illustrating the sorrow and despair and horror that can accompany the loss of a loved one, especially a child or sibling.

 

If someone seeing your works is scared, do you think you had done your “job”?

If the viewer is moved to feel something, anything, that makes them look at the world in a different light, then I have done my “job”. Fear is something that takes center stage in what I’m trying to accomplish, so if the person looking at my work is scared, that’s a good thing.

 

What do you look for in a photo that you will use in your work?

My image searches usually begin with teeth… I love teeth. If I see an amazing set of teeth, be they lion or human or fish, that’s what will catch my eye first. There is something so primal about the mouth and the way the teeth are designed to bite and tear and grind… I’ll never forget someone telling me (in High School, perhaps?) that the adult human jaw can exert over 500 lbs. of pressure. The mouth (and teeth) can be the window to a very dark and violent place that is common amongst almost all living, breathing things. And the mouth is the very key to our survival as humans, as sexual beasts, as communicators. That’s a lot of what I’m trying to get at with my art. A primal beauty that can be downright terrifying at times. Another thing that I look for is the “nature” of the photograph. I try to always use clinical, “non-artistic” photos as a starting point for a few reasons. One, I don’t want to step on anyone’s artistic toes, and two, the sheer beauty and madness that can be captured with a simple photo of clouds or space or a very utilitarian portrait photograph from the 1800s is something that I get very excited about. A dark mystery locked away in the seemingly benign eyes of a child or the sinister shapes “randomly” formed by an approaching storm.

 

Do you make your art when you are in a specific state or at any time?

I work best late at night and early into the morning… when my family is safely tucked away upstairs, blissfully unaware of what is going on in my “workshop”. Sometimes sleep deprivation will help facilitate my imagination, but mostly it’s because that’s the only time of the day that I’m not busy helping raise my boys.

 

What is your greatest child and adult fear?

My greatest childhood fear was the death of my mother… and my greatest adult fear is the death of my children before my own. Accepting the former is, as I’ve stated, one of the main reasons I’m doing what I’m doing. It’s my way of grieving, I suppose. As far as the latter is concerned… well, those are things I don’t like to think about. But they will show up in my art whether I like it or not.

 

Is there anything about you or your work that you want to tell me and to the readers that I didn’t ask you?

I guess the only thing that I’d like to make clear is that my art should not be mistaken for me. For I am filled with so much love and happiness that I can barely contain myself.

(Images © Joseph Myers)

More of  Joseph’s work  here

**Italiano**

Traduzione ed intervista di Giulia Bertelli

Prima di tutto, sono veramente contenta di poterti intervistare: il tuo lavoro, quello che dici a riguardo e quello che dici sulla tua esperienza sono davvero interessanti.
Allora, adesso possiamo cominciare.

Quando e perchè hai iniziato a fare arte?

Questo è un buon punto di partenza! Bene, ho sempre fatto arte da quando mi ricordo. Ho ricordi davvero vividi di me da molto piccolo che disegno continuamente… appena ho potuto prendere in mano una matita, suppongo, è quando ho iniziato. Per quanto riguarda il “perchè”, questa è una domanda che ancora mi faccio anche io. Credo di starmi avvicinando a quella risposta ogni giorno di più. E’ qualcosa che fa parte di me come respirare o mangiare. L’arte è qualcosa che io ho bisogno di fare in qualsiasi forma  o non sarò veramente felice… ho preso una pausa davvero lunga dall’arte (circa 10 anni) in modo da concentrarmi sul mio alcolismo, ma questa è un’intervista per un’altra volta!

Usare le proprio paure è qualcosa che gli artisti hanno fatto nella loro arte da sempre, ma se guardo tra i tuoi lavori sembrano più ricchi di paure. Hai idea del perchè?

Per non so quale ragione, sono sempre stato affascinato dalla morte, e allo stesso tempo terrorizzato da questa. Mia madre, che è mancata 4 anni fa, è sempre stata onesta sulla mortalità e sulle realtà della vita e su come dovremmo vivere ogni giorno appieno e tutte quelle cose meravigliose, così sono stato cresciuto con la costante accettazione dell’inevitabilità della morte. Dopo la sua morte, ho versato tutto il mio dolore e la mia tristezza e le mie paure dall’infanzia alll’età adulta in questa forma di arte digitale. Sembra che ne fossi abbastanza pieno! Ho capito quasi immeditamente che la sua morte era una sorta di catalizzatore che mi ha aiutato a incanalare il fuoco creativo dentro di me che è stato covato sotto la cenere per così tanti anni.

Per il tuo tipo di arte usi molto photoshop, ovviamente, hai mai realizzato un vero collage?

Stranamente, non ho mai realizzato un “vero” collage. La mia intera vita artistica è divisa in due metà: prima e dopo Photoshop. Prima di Photoshop c’erano matite e penne( un sacco di penne) e pastelli e alcune tempere, ma dopo la scoperta della magia speciale che realizzi quando inizi a “dipingere” con pixels e che “gli incidenti felici” che si verificano quando combini i livelli di Photoshop… non c’è possibilità di tornare indietro. Disegno ancora abbastanza, ma scannerizzo quei disegni e li uso nei miei collages digitali. E’ difficile da spiegare cosa succede quando mi perdo nella creazione di un pezzo, ma a un certo punto, smetto di essere cosciente dei movimenti del mio mouse e lascio solo che le cose fluiscano. E’ quasi come se io fossi in uno stato di trance. E’ grandioso. E non penso che una magia come questa sia possibile senza l’aiuto di un computer affidabile (iMac nel mio caso) e l’accesso a internet e la sua infinita quantità di immagini.

Io penso che un vero artista sia qualcuno che mette tutto se stesso in quello che fa. Da quello che dici tu sei uno di loro. Tu ti vedi come un’artista?

Questa è una domanda interessante, perchè io ho sempre immaginato me stesso come un “artista”. Ma solo di recente ho sentito davvero di star creando delle opere d’arte che realmente parlassero alle persone, che le muovessero in un modo tale da farmi pensare di aver raggiunto un nuovo livello di creatività. Con questo non voglio comparare me stesso a nessun altro artista, ma trovo che molti dei miei fans siano cresciuti amando il lavoro di Salvador Dalì (una delle mie maggiori ispirazioni) e che abbiano comparato alcuni dei miei simbolismi a cosa ha creato lui così egregiamente. Penso che fosse in un posto magico quando ha creato la sua magnifica arte, e mi piace pensare di nutrirmi da quella stessa vena creativa. Inoltre anche io uso abbastanza il mio stesso corpo ( soprattutto bocca, denti, occhi e mani) nel mio lavoro. Grazie alla belleza della webcam integrata del computer, posso fotografare me stesso nello stesso momento in cui sto creando un pezzo quando cerco di catturare qualcosa che non posso trovare da nessun’altra parte.

Hai detto di essere mancino ma che nel tuo lavoro al computer usi la mano destra. Così, la tua rate è più creativa o più matematica?

Una bella domanda, e una di quelle a cui sto pensando da anni. Io penso che, data la mia esperienza come graphic designer, ho forzato me stesso a usare la mano destra per tutte quelle attività che riguardano il mouse. E come sappiamo, la mano destra è controllata dalla metà sinistra del cervello. Le attività controllate dall’emisfero sinistro tendono a essere più organizzative e matematiche di natura, così tutto il lavoro che faccio al computer ha una certa “rigidità”. Ma allo stesso tempo, come scrittore e disegnatore mancino, ho notato che ero capace di arrivare a grandi risultati “artistici” con un mouse usando solo la mia mano destra. Se questo sia il cervello che cerca di compensare per la mancanza di creatività mancina (emisfero destro), non lo so. Ancora una volta, c’è quasi una qualità soprannaturale nel processo artistico che è difficile da identificare. Direi che è quasi 50% matematica e 50% creatività… ma la linea tra questi due concetti continua a essere sempre più confusa.

Dimmi una cosa che bisogna sapere prima di vedere i tuoi lavori.

Entra nel mio mondo con una mente aperta e dovresti essere a posto…

Ti spaventi mai con la tua arte?

Certamente… ma sta diventando sempre più difficile spaventarmi ultimamente. Questo perchè provo a fare qualcosa di completamente differente con ogni pezzo. Uno dei miei ultimi lavori, “Where Love Resides” in realtà mi ha fatto piangere un po’. Come padre di tre fantastici bambini, il pensiero di perderli è una delle cose più spaventose che possa immaginare. E questo pezzo non SI è risparmiato nel mostrare il dolore e la disperazione e l’orrore che possono accompagnare la perdita di qualcuno amato, soprattutto un figlio o un parente.

Se qualcuno vedendo i tuoi lavori si spaventa, pensi di aver fatto il tuo “lavoro”?

Se lo spettatore è mosso a sentire qualcosa, qualsiasi cosa, che gli fa vedere il mondo in una luce diversa, allora ho fatto il mio “lavoro”. La paura è qualcosa che prende la posizione centrale in quello che cerco di portare avanti, così se la persona guardando il mio lavoro è spaventata, allora è una buona cosa.

Cosa cerchi in una foto che userai in un tuo lavoro?

Le mie ricerche di immagini di solito iniziano con i denti… amo i denti. Se vedo una bella dentatura, che siano di leone, uomo o pesce, catturerà per prima il mio sguardo. C’è qualcosa di così primitivo riguardo alla bocca e al modo in cui i denti sono fatti per mordere e strappare e tritare… Non dimenticherò mai che qualcuno mi ha detto (al liceo, forse?) che la mascella di uomo adulto può esercitare più di 225 Kg di pressione. La bocca (ed i denti) può essere la finestra verso un posto veramente oscuro e violento che è comune a quasi tutti gli esseri viventi, le cose che respirano. E la bocca è la vera chiave alla nostra sopravvivenza come esseri umani, come bestie sessuali, come comunicatori. E’ praticamente quello a cui sto cercando di arrivare con la mia arte. Una bellezza primitiva che può essere completamente terrificante alle volte. Un’altra cosa che cerco è la “natura” della fotografia. Cerco sempre di usare immagini cliniche, “non-artistiche” come punto di partenza per svariati motivi. Primo, non voglio calpestare i piedi a nessun artista, e secondo, la diretta bellezza e la cattiveria che possono essere catturate con una semplice foto di nuvole o spazio o anche con un banale ritratto del 1800 è qualcosa che trovo molto eccitante. Un oscuro segreto chiuso negli apparentemente innocenti  occhi di un bambino o la forma sinistra “a caso” composta dall’avvicinarsi della tempesta.

Crei la tua arte quando sei in uno stato specifico o in qualsiasi momento?

Lavoro meglio la notte tardi o il mattino presto… quando la mia famiglia è al sicuro di sopra, beatamente ignara di quello che sta succedendo nel mio “laboratorio”. Qualche volta l’insonnia aiuta la mia immaginazione, ma il più delle volte è perchè è l’unico momento della giornata che non sono occupato a crescere i miei ragazzi.

Qual è la tua più grande paura da bambino e da adulto?

La mia più grande paura dell’infanzia era la morte di mia madre… e la mia più grande paura da adulto è che i miei figli muoiano prima di me. Accettare la prima é, come ho dichiarato, una delle ragioni fondamentali per fare quello che sto facendo. E’ la mia forma di lutto, credo. Per quanto riguarda l’altra… quelle sono cose a cui non mi piace pensare. Ma si mostreranno nella mia arte che mi piaccia o no.

C’èqualcosa su di te o sul tuo lavoro che vuoi dire a me e ai lettori che non ti ho chiesto?

Credo che l’unica cosa sia che voglio mettere in chiaro che la mia arte non dovrebbe essere confusa con me stesso. Io sono così pieno di così tanto amore e gioia che posso a mala pena contenermi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

    Follow

    Get every new post delivered to your Inbox.

    Join 1,673 other followers

    %d bloggers like this: