Reportage: Hooker Row by Adrian Callan

Adrian Callan is  a British-born  freelance TV cameraman based in Bangkok (Thailand) since 2004. He has been covering all major news events in the region for a variety of broadcaster from the US, Australia, and Europe.

Adrian`s love for photography began when he was 16, after being bought a 15 meter roll of Ilford HP5 and spending hours in the darkroom…
He had a break from taking still images for many years until he finally went digital  in 2007.

Text and photographs by Adrian Callan
 

[Traduzione in italiano in basso]

In the center of one of S.E. Asia’s largest cities is a small area known as Nana. A bizarre melting pot of cultures, and creeds, from across the region and beyond. Large street markets, food vendors, and tourists occupy most of the pavement space. In this small but vibrant corner of the city that seems to never sleep or take a break from itself.

 For most people, this area of downtown Bangkok, is best known for its bright neon red light district. The gogo bars and pubs in soi 4 are infamous around the world. Stories and myths litter the Internet, as do the cheap paperback bookstalls in the airport lounge.

 However there is a level of realism and life, which is uniquely Nana. From dusk ‘til dawn the area, and particularly soi 4, is a constantly changing backdrop for the people who live and work here. From the early hours, and until the early hours, life is raw and in your face.

 That said it is also one of the safest places I have ever been. Violence is relatively rare, and petty crime equally surprisingly uncommon. The weird melee of people seems to have created a sort of natural balance. There are those who come to spend money and there are those who come to make it. The desires seem to find a natural equilibrium. Which creates a unique harmony not found in other seedy red light districts around the globe.

 I live here because it fascinates me. The vibrancy of the everyday sights sounds and smells is something that you rarely tire of. Traveling men who visit the area will love it, and usually pledge to return. Whilst many women who visit, often remark on how surprised they are to find that the atmosphere is very different from what they had expected. Far more easy going, and far less sinister. With many of the myths, remaining as myths. I guess that is partly why I started to document this scene in this part of Bangkok. I wanted to capture the reality, rather than just photograph images that adhered to people’s perceptions.

 I started taking photographs when I was 16, developing my own B&W film. But had a break from it for many years until I finally got hold of a decent digital camera. That said, I had begun a career as a TV cameraman, so was never too far away from the lens…

 I began to document the Nana a few years ago. After years of thinking about it, I forced myself to start before the streets became too familiar and too normal to me.

 Someone once said that they liked my portraits of some of the bargirls, because I managed to find the person behind the label. The girl rather that just a snap shot of a sex worker. This was a great compliment and inspired me to continue. Looking for the people who make up the characters in Nana.

 One area, which I have taken to document as separate to the rest of Nana, is a very short stretch of Sukhumvit road that is arguably the seediest. It is not very long, perhaps only 30 meters or so. But At any time Night or Day, hookers can be found hanging out by the bus stops. Seeing as prostitution is technically illegal in Thailand, it highly likely that the practice began on this particular stretch of pavement due the proximity of the busy bus stops. Any policeman looking to round up a few freelance working girls, might be met with an “I’m just waiting for the bus excuse”…. but in reality, the police know, and even allow it to go on here. Once in a blue moon they round them all up, extort money from them, and then let them go. The following day the girls are back……

Unlike in many countries, the girls are genuinely “freelance”, and they are made up of a very mixed bunch. Some are more “Professional”, as in you see them there every day. Others are part time, girls who turn to prostitution to supplement their income. A small minority are down and outs….drug addicts and drunks who spend more time sleeping on the pavement, than they do sleeping with clients.

There are no pimps to speak of, some may have boyfriends who know, and accept, what they are doing. Such is the relaxed attitude to the whole idea of “sex for sale” in Thailand. The women who work here, particularly the women who are part time, will compartmentalize their lives. Standing on this stretch of pavement, will be confined to the ” just need money…no big deal ” compartment. Something that many western women will never to understand, nor even believe. It is an attitude not restricted to the working classes either. The growth of sex for sale on the internet by educated middle class student girls personifies this attitude towards the relationship between sex and money….. but I digress, and will leave that story for another time.

 It is a sad and often slightly intimidating scene. In the evenings, the numbers swell to well over 50. As Thailand “ modernizes” itself, hopefully there will be more opportunities and possibilities for these girls. More options, and better education. Also the society needs to become more honest with itself. The “ mai pen rai” , or “ no worries, it does not matter” attitude towards social issues has to be relegated to the confines of history. Pretending a problem does not exist, simply does not work anymore.

 Away from “Hooker row”, most girls who do decide to go “full time”, and make a career in Nana, will work in a bar or Gogo-bar, often depending on how shy they are. Shy girls will prefer to work in the small bars where life is more easy going. Depending on the management of the individual establishment, there are varying degrees of pressure to go, or not go, with customers. In the Gogo bars, there is nearly always more pressure to do so…..and of course,

in the latter, girls usually dance in bikinis, topless, or naked.

 The bar scene carries more security for the girls, than just standing on the street. And many girls who work in bars will look down on their counterparts who stand on the pavement. Although logically, there is very little to discern between them. Some of the larger bars do perform monthly medical checks on the girls. But in reality a monthly check is not regular enough. The main difference is freedom…. Freedom about what time they get up, go to work, and whether they go to work at all.

 Stories of women bring forced into having sex with customers, are untrue, in this part of town at least. The sex industry is broad in Thailand and encompasses much darker and dangerous areas, where even most white men fear to tread. Lock-in brothels, under aged girls, and trafficked women from Burma. But Nana for the most part is free of all of the above.

 Girls come to this area to work of their own free will. Economics drive them to seek employment, just as they do in any country. But for a girl in Thailand with average to poor levels of education, the opportunities are limited. Factory work, waitressing, massage parlor, shop assistant…none of which pay very well. In the bars and clubs of Nana, girls can earn 2 or 3 times as much. Provide for their extended families, and for the most part even have a bit of fun doing it….trust me, this is how many of them think.

 A gogo dance will earn more money, typically around 10k baht a month, with the proviso that she goes with a minimum of 5-7 customers. In a bar the salary will b about 5K, but often there is no minimum customer threshold. What the girl negotiates with the customer once they have left the bar, is entirely up to her, and she keeps it all. Usually around 2k baht for a few hours, or 3-4k for all night. Seven customers, over the course of a month gives her the salary, plus potentially another 20k baht in her pocket. Compared to perhaps 15k baht including overtime, doing shift work at some factory somewhere.

 So you can see why many girls see this as a way to make easy money. I know feminists in western countries will balk at this statement. But give me 10 minutes and I would find you 50 girls who confirm everything I have said.

 There are however emotional scares and negative effects derived from long term working within the bar scene. It varies from person to person, but on average from what I have seen, six months is a sort of watershed. After that, if the girl remains in her chosen profession, she will become jaded. And leaving the scene will become increasingly difficult.

 For the lucky ones, they meet a nice foreign man who falls madly in love with them and provides financial security for the rest of their days. Others who posses a good business sense will save their earning and buy land in the provinces. But for those who possess neither good luck nor and ability to plan for the future, they are condemned to a life in the scene. Bargirl becomes bartender, who might become a mamasan (an older woman who looks after the girls)….. or may just end up working in a cheap massage parlor, offering special massages in the hope of receiving a large tip.

 That is Nana….. and the bargirl scene in a nut shell. By no means a complete explanation, but a brief attempt to dispel some of the myths and dogma associated with the area.

 The more I photograph this scene, the more I learn and understand. But also the more I realize that whilst this little corner of Bangkok is forever evolving, the work of documenting it will never truly come to an end.

(Images © Adrian Callan)

More of Adrian Callan’s work here

Watch his video Jezebel on Fluster Magazine

**Italiano**

 
Traduzione di Chiara Costantino
 

Adrian Callan è un cameraman tv freelance, nato in Gran Bretagna e residente a Bangkok (Tailandia) dal 2004. Ha ripreso tutti i principali eventi accaduti nel posto per moltissime emittenti degli Stati Uniti, dell’Australia, dell’Europa.

L’amore di Adrian per la fotografia è iniziato quando aveva sedici anni, dopo aver acquistato una pizza di 15 metri di Ilford HP5  e aver passato ore in camera oscura… Ha fatto una pausa dagli scatti per molti anni, fin quando nel 2007 è finalmente approdato al digitale.

Hooker Row – La strada delle puttane

- Adrian Callan -

 

Al centro di una delle più grandi città del sudest asiatico c’è una piccola zona conosciuta come Nana. Un bizzarro crogiolo di culture e credenze religiose originarie di tutto il paese e oltre. Ampi mercati rionali, venditori ambulanti di cibo e turisti occupano la maggior parte dello spazio calpestabile. In questo piccolo ma pulsante angolo di città che sembra non dormire mai né prendere un attimo di pausa da se stesso.

Per la maggior parte della gente, questa zona del centro di Bangkok è meglio conosciuta per il suo distretto a luci rosse, brillanti e al neon. I gogo bar (sorta di nightclub dove si fa lapdance e spogliarelli, n.d.T.) e i pub nel soi (via) 4 godono di triste fama in tutto il mondo. Storie e leggende metropolitane intasano internet, così come le bancarelle di libri in edizione economica nella sala d’attesa dell’aeroporto.

 

Ad ogni modo, c’è un livello di realismo e di vita che è squisitamente Nana. Dal tramonto all’alba lungo la zona, e particolarmente nel soi 4, c’è un mutamento costante dello scenario per le persone che vivono e lavorano qui. Dalle prime luci del mattino e fino alla fine della giornata, la vita appare nella sua crudezza e così ti viene sbattuta in faccia.

 

Detto questo, è anche uno dei posti più sicuri in cui sia mai stato. La violenza è relativamente rara e i piccoli crimini allo stesso modo sono a sorpresa poco comuni. La strana accozzaglia di persone sembra aver creato una sorta di equilibrio naturale. Ci sono quelle che vengono a spendere soldi e ci sono quelle che vengono a guadagnarli. I desideri sembrano trovare un baricentro naturale, cosa che crea un’armonia unica non riscontrabile in altri malfamati distretti a luci rosse su e giù per il pianeta.

 

Vivo qui perché mi affascina. La vibrazione delle visioni, suoni e odori della quotidianità è qualcosa di cui ti stanchi di rado. I viaggiatori che visitano la zona la adorano e di solito promettono di tornarci, mentre molte donne di passaggio non mancano spesso di sottolineare come siano sorprese nel constatare che l’atmosfera è molto diversa da come se l’erano aspettata. Molto più rilassata, molto meno sinistra. Come molte delle leggende metropolitane rimangano tali. Credo che sia uno dei motivi per cui ho iniziato a documentare la vita in questa parte di Bangkok. Volevo catturare la realtà, piuttosto che scattare semplici immagini che siano fedeli all’opinione comune.

 

Ho iniziato a scattare foto quando avevo sedici anni, sviluppando da solo le mie pellicole in bianco e nero. Ho avuto però una pausa durata molti anni finché finalmente sono entrato in possesso di una macchina digitale decente. Detto ciò, ho iniziato la mia carriera come cameraman televisivo, dunque non ero poi così lontano dall’obiettivo…

Ho iniziato a documentare la Nana pochi anni fa. Dopo anni di riflessione, mi sono forzato a iniziare prima che le strade mi apparissero troppo familiari, troppo normali.

Una volta qualcuno ha detto che gli piacevano i miei ritratti di alcune delle intrattenitrici, perché riuscivo a scovare la persona dietro l’etichetta. La ragazza, piuttosto che solo uno scatto di una lavoratrice del sesso. Questo è stato un grande complimento e mi ha ispirato a continuare, cercando persone che rappresentassero i personaggi di Nana.

Una zona, che ho preso a documentare in maniera distinta dal resto di Nana, è un tratto molto breve di Sukhumvit road che è presumibilmente il più losco. Non è molto lungo, forse solo trenta metri o giù di lì, ma a ogni ora del giorno e della notte si possono trovare prostitute che bazzicano le fermate degli autobus. Siccome la prostituzione è tecnicamente illegale in Tailandia, è molto verosimile che la pratica sia iniziata su questo specifico tratto di marciapiede a causa della prossimità con le affollate fermate dei mezzi pubblici. Qualsiasi poliziotto mandato a fare una retata di poche prostitute in proprio, potrà sentirsi rifilare la classica scusa del “sono qui solo perché aspetto il bus”… ma in verità, la polizia sa e persino permette che tutto questo vada avanti qui. Una volta, in una notte di luna piena, c’è stata una retata gigantesca, hanno estorto denaro a tutte loro e poi le hanno lasciate andare. Il giorno dopo, le ragazze sono tornate…

A differenza di molti paesi, le ragazze sono davvero “freelance” e sono composte di una varietà molto eterogenea. Alcune sono più “professionali”, dal momento che le puoi vedere là ogni giorno. Altre lo fanno part time, sono ragazze che si danno alla prostituzione per avere delle entrate extra. Una ristretta minoranza sono delle sbandate… tossicodipendenti e alcolizzate che passano gran parte del tempo dormendo sul marciapiede, piuttosto che con i clienti. Non ci sono veri e propri magnaccia, alcune hanno fidanzati che lo sanno e accettano ciò che le ragazze fanno. Questo è l’atteggiamento morbido all’idea generale di “sesso in cambio di denaro” in Tailandia. Le donne che lavorano qui, in special modo quelle part time, dividono in compartimenti la propria vita. Quando stanno su questo pezzo di marciapiede, la relegano allo scomparto “soltanto bisogno di soldi…niente di eccezionale”, qualcosa che molte donne occidentali non capiranno mai né a cui nemmeno crederanno. Non è neppure un atteggiamento tipico solo della classe operaia. La crescita del mercato del sesso su internet da parte di studentesse perbene di classe media incarna questa posizione nei confronti della relazione tra sesso e denaro…ma sto divagando, racconterò questa storia un’altra volta.

 

 

E’ una visione triste e spesso un po’ angosciante. Di sera, i numeri crescono ben oltre cinquanta. Man mano che la Tailandia si “modernizza”, si spera che ci saranno più occasioni e possibilità per queste ragazze. Più scelta e una migliore educazione. Anche la società ha bisogno di divenire più onesta con se stessa. Il motto “mai pen rai”, ossia “non fa niente, non importa” applicato alle problematiche sociali deve essere confinato all’ambito della storia. Fingere che un problema non esista, semplicemente non funziona più.

 

Lontano dalla “Hooker row” (la strada delle puttane), molte ragazze che decidono di non prostituirsi full time e farsi carriera a Nana, lavorano in un bar o in un gogo bar, spesso in base a quanto sono timide. Le ragazze timide preferiscono lavorare in piccoli locali dove la vita è più tranquilla. In base alla direzione di ogni singolo posto, ci sono diversi gradi di pressione esercitata sulle ragazze per andare o meno con i clienti. Nei Gogo bar, c’è sempre molta più insistenza in questo senso… e di certo in questi posti, le ragazze sono solite ballare in bikini, topless o nude.

 

 

L’ambiente dei bar comporta più sicurezza per le ragazze, piuttosto che stare giusto in mezzo alla strada, e molte giovani che lavorano nei bar guardano dall’alto in basso le loro omologhe sul marciapiede. Ciononostante, è logicamente difficile distinguere tra le due categorie. Alcuni dei bar più grandi prevedono controlli medici mensili sulle ragazze. Ma in verità un controllo medico al mese non è abbastanza regolare. La differenza più importante è la libertà… Libertà di alzarsi e andare al lavoro quando si vuole, o non andarci affatto.

 

Storie di donne costrette con la forza a fare sesso con i clienti sono false, almeno in questa parte della città. L’industria del sesso in Tailandia è vasta e comprende aree molto più oscure e pericolose, dove persino molti uomini bianchi temono di sconfinare. Bordelli di lusso, ragazzine e commercio di donne dalla Birmania, ma Nana per la maggior parte è libera da tutto questo.

 

Le ragazze che vengono a lavorare da queste parti lo fanno di propria iniziativa. La situazione economica le spinge a cercare un impiego, così come avviene in ogni altro paese. Ma per una ragazza in Tailandia con in media uno scarso livello di scolarizzazione, ci sono opportunità limitate: lavoro in fabbrica, o come cameriera, massaggiatrice, commessa…nessuno dei quali è granché retribuito. Nei bar e nei club di Nana, le ragazze possono guadagnare il doppio o il triplo, sopperendo così ai bisogni delle loro famiglie allargate e per molte di loro significa anche divertirsi facendolo…fidatevi, questo è ciò che pensa la gran parte di loro.

 

Una danzatrice gogo guadagna più soldi, di solito circa 10.000 baht al mese, a condizione che vada con un minimo di 5-7 clienti. In un bar la paga si aggira intorno ai 5.000, ma in genere non è previsto un numero minimo di clienti. Quel che la ragazza contratta con il cliente una volta che lasciano il locale sta totalmente a lei, che inoltre tiene per sé tutto il ricavato. Di solito, circa 2.000 baht per alcune ore o 3-4.000 per tutta la notte. Sette clienti durante tutto il mese le danno lo stipendio, più verosimilmente altri 20.000 baht in tasca. Paragonato a forse 15.000 baht compresi gli straordinari, lavorando a turni in una fabbrica da qualche parte.

 

Dunque capite perché molte ragazze considerano questo un modo di fare soldi facili. So che le femministe dei paesi occidentali saranno riluttanti a credere a quest’affermazione, ma datemi dieci minuti di tempo e vi troverò cinquanta ragazze pronte a confermare ogni cosa che ho detto.

 

Comunque ci sono ferite emotive ed effetti negativi che derivano dal lavorare per tanto tempo nell’ambiente dei bar. Varia da persona a persona, ma facendo una media di ciò che ho visto, sei mesi rappresenta una specie di spartiacque. Dopo questo lasso di tempo, se la ragazza continua con il lavoro prescelto, non ne può più. Ma lasciare l’ambiente diventa sempre più difficile.

 

Le fortunate incontrano uno straniero carino che si innamora pazzamente di loro e garantisce loro sicurezza economica per il resto dei loro giorni. Altre che hanno un buon fiuto per gli affari, mettono da parte i propri risparmi e comprano della terra in provincia. Ma quelle che non hanno né fortuna né capacità di pianificare il proprio futuro, sono condannate a vivere in quell’ambiente. Le intrattenitrici dei bar diventano bariste, che possono a loro volta diventare mamasan (una donna anziana che si occupa delle ragazze)… o solo finire a lavorare in un centro massaggi da quattro soldi, offrendo massaggi speciali con la speranza di ricevere una buona mancia.

 

Questa è Nana…e l’ambiente delle intrattenitrici per sommi capi. Non è da intendersi come una spiegazione esaustiva, ma un piccolo tentativo di fugare alcune delle leggende metropolitane e dei luoghi comuni associati con questa zona.

Più fotografo questo posto, più imparo e comprendo, ma mi rendo conto anche di più che mentre questo minuscolo angolo di Bangkok continua sempre a evolversi, il lavoro di documentarlo non arriverà mai a una vera e propria fine.

(Images © Adrian Callan)

More of Adrian Callan’s work here

Watch his video Jezebel on Fluster Magazine

Comments
3 Responses to “Reportage: Hooker Row by Adrian Callan”
  1. Remember these words: no trading, no killing,
       Street female clients also will have to sell to buy

Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] However there is a level of realism and life, which is uniquely Nana. From dusk ‘til dawn the area… […]



Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

    Follow

    Get every new post delivered to your Inbox.

    Join 1,662 other followers

    %d bloggers like this: