Showcase: The Intimacy Project by Dawn Hartman

Dawn Hartman was born in Philadelphia (Pennsylvania) in 1985. She is a 2007 graduate of the University of Pittsburgh with a degree in Psychology. She is now a full time photographer and owner of Dawn Hartman Photography. Her 3 main passions are photography, traveling and service work.  She currently resides in Pittsburgh Pennsylvania preparing to publish her first book of images from The Intimacy Project.

Interviewed by Chiara Costantino
 

[Scroll down for Italian translation] 

Hi Dawn! How did you come to photography?

My photography started out as just a hobby. As a young teenage girl I was often trying to combat body image issues amongst my female friends so I would dress them up and take pictures of them as a way to show them the beauty that I saw. I then became enthralled with the camera’s ability to portray my perceptions of the world which often differed from my peers. I felt that it helped me to communicate what my world looked like in ways that words could not.

Tell us about your Intimacy Project. How was it conceived?

The Intimacy Project is a collection of photographs of intimate moments in the lives of the LGBT community. Over 90 people have been photographed for the project portraying differing forms of intimacy based on what each couple felt was most initimate within their relationship. These displays range from intimate family moments, to public affection to bedroom intimacy and many things in between. The Intimacy Project was developed in 2008 while I was pursuing another goal, going to Ghana, Africa to volunteer in a school. Although my photography was just a hobby my girlfriend at the time encouraged me to have an artshow as a way to fundraise for the trip. A photograph of her and I taken with a point and shoot camera was the initial inspiration for the topic.

How did you carry it out?

Trying to create an entire show of images starting with one photograph was quite the task but, thankfully, the Pittsburgh LGBT community welcomed me. I was unfamiliar with the community but started attending LGBT events and put out requests for couples to participate on gay friendly e-mail lists. I met with each couple to discuss my goals for the project, their view of intimacy, and how we could go about representing that photographically. We would then have a photoshoot based on things discussed and I chose my favorites to include in the project. The first artshow was Lesbian Intimacy and was successful enough to fund my entire trip to Ghana. The show was so well received that I decided to do a gay male counterpart when I returned to the country and have been consistently expanding the project since.

You chose gay, lesbian, bisexual and transgendered people. Why?

I chose the LGBT community because it is underrepresented. I had just discovered my own sexuality and wanted to know what other lesbians couples were like and how they lived their lives. I was disappointed to find that most of the images of lesbians that I had found were pornographic and made for male attention. That is when I decided that the LGBT community needed real portrayals of the love that exists in queer relationships.

Was it hard to find people who accepted to be portrayed?

It was difficult at times because many people are not out in their professions and some not out to their family. As a result, a lot of the photographs I have chosen were to specifically hide the identities of the participants. For intstance, the Freedom is not Free image was taken before the repealing of Don’t Ask Don’t tell and the military men could not openly display themselves as gay without repercussion.

How much of your project is autobiographical?

I feel that it is somewhat autobiographical in the sense that it stemmed from my own admiration of love and intimacy and its vastly different manifestations. However, the project is much larger than myself and has been greatly shaped by the people who have allowed me to document such personal moments within their lives.

Have you ever exhibited The Intimacy Project offline?

 I have had at least 8 solo art exhibitions in and around the Pittsburgh area as well as exposure in some local publications. People in both the gay and straight community have been very supportive but I feel that my reach in limited. I intend to print a book of these images so that it may be shared nationally as well as internationally.

 What is the situation concerning LGBT rights in the US?

The US has come along way in terms of LGBT rights in the last twenty years but we are still lagging behind other civilized nations. Some states are winning the fight for the basic but important right of gay marriage but sadly, more are against it than for it, including Pennsylvania, the state in which I reside.

What do you think art can do for it?

 I believe that it is largly lack of exposure that keeps a lot of people making uneducated guesses about what the lives of LGBT individuals are like. Sharing these photos with the world can allow people to see that the love is universal and that true love is persistent through adversity. The more exposure these images get, the less taboo seeing gay love will be, therefore perpetuating acceptance of diversity.  

Have you ever been in Italy (or in Europe)? What do you know about gay rights in Europe? Can you make any comparisons between Europe and the US?

I have never been to Italy but I have been to England. My knowledge of LGBT rights in Europe is limited but from my understanding there are a lot more rights and protections for LGBT individuals and their partners. Also I’m told that civil unions and gay marriage are much more accepted than in the US. Needless to say, America should be much further along given that its roots are based in liberty and equality. (Italy and Greece do not legally recognize or grant rights to gay couples, two sad exceptions between civilized european countries – editor’s note)

You are planning to realize a book form of The Intimacy Project. How can people (our readers, for instance) contribute to it?

The most helpful thing I believe would be for people to help me spread the word about the project and to display the images for others to see. Selected photos from the project are available for purchase on my website . Also, I am collecting short writing submissions from LGBT individuals on the topic of intimacy to be included in the book. More information about submissions can also be found on my website.

Are you currently working on other projects?

I do not currently have any other projects as in depth as The Intimacy Project but I do own my own photography business. Most of my work is newborn photography but I do a little bit of everything. Photography is my passion and I will continue to use it as a way to remind people of the things that are truly important in life.

More of Dawn Hartman’s work here

(Images © Dawn Hartman)

**Italian Translation**

by Chiara Costantino

Dawn Hartman è nata a Philadelphia (Pennsylvania, USA) nel 1985. Nel 2007 ha conseguito una laurea in Psicologia presso l’Università di Pittsburgh. Ora è una fotografa a tempo pieno e titolare della Dawn Hartman Photography. Le sue tre passioni principali sono la fotografia, viaggiare e la cooperazione sociale. Al momento vive a Pittsburgh (Pennsylvania), dove sta per pubblicare il suo primo libro di immagini tratte da The Intimacy Project.

Come sei arrivata alla fotografia?

La fotografia per me all’inizio era solo un passatempo. Da ragazzina provavo spesso a lottare contro l’immagine predominante di corpo tra le mie amiche, così che le abbigliavo e scattavo loro delle foto per mostrar loro la bellezza che io vedevo. In seguito, sono rimasta affascinata dalla capacità della fotocamera di ritrarre le mie sensazioni del mondo, che spesso differivano da quelle dei miei coetanei. Sentivo che mi aiutava a comunicare come il mio mondo appariva, nel modo in cui le parole non riuscivano.

Parlaci del tuo Intimacy Project. Come è stato ideato?


The Intimacy Project è una serie di fotografie di momenti di intimità nelle vite della comunità LGBT. Più di novanta persone sono state fotografate per il progetto, ho ritratto diverse forme di intimità basate su cosa ogni coppia percepiva come intimo all’interno della propria relazione. Questo va da momenti intimi di famiglia, affetto mostrato in pubblico fino all’intimità in camera da letto, più molte cose che stanno nel mezzo. The Intimacy Project è stato sviluppato nel 2008 mentre stavo perseguendo un altro obiettivo, andare in Ghana (Africa) come volontaria in una scuola. Sebbene la mia fotografia fosse solo un passatempo, la mia ragazza dell’epoca mi incoraggiò a realizzare una mostra d’arte come modo per finanziare il mio viaggio. Una nostra fotografia scattata con una compatta fu l’ispirazione iniziale per il tema.

Come l’hai condotto?

Cercare di realizzare una mostra intera di immagini iniziando da una foto sola era un compito notevole ma, per fortuna, la comunità LGBT di Pittsburgh mi ha accolto. Ero nuova della comunità, ma ho iniziato a frequentare eventi LGBT e inviare tramite mailing list gay friendly richieste per coppie affinché partecipassero, incontravo ogni coppia per discutere dei miei obiettivi per il progetto, della loro visione di intimità e di come potevamo andare avanti nel rappresentarla fotograficamente. Poi, facevamo una sessione fotografica basata sugli argomenti discussi e sceglievo i miei scatti preferiti per inserirli nel progetto. La prima mostra fu Lesbian Intimacy e riscossi abbastanza successo da finanziare interamente il mio viaggio in Ghana. La mostra fu accolta così bene che ho deciso di realizzarne la controparte gay quando sono tornata nel mio paese. Da allora, il progetto sta crescendo in maniera costante.

Hai scelto persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender. Perché?

Ho scelto la comunità LGBT perché è sotto-rappresentata. Avevo appena scoperto la mia sessualità e volevo sapere come erano altre coppie lesbiche e come vivevano le loro vite. Ero amareggiata nel constatare che la maggior parte delle immagini di lesbiche che avevo trovato erano pornografiche e fatte per l’attenzione maschile. E’ stato allora che ho deciso che la comunità LGBT aveva bisogno di raffigurazioni effettive dell’amore che esiste nelle relazioni queer.

E’ stato duro trovare persone che accettassero di essere ritratte?

A volte è stato difficile perché molte persone non sono dichiarate al lavoro e alcune nemmeno in famiglia. Di conseguenza, molte foto che ho scelto erano scattate in modo da nascondere intenzionalmente l’identità dei partecipanti. Per esempio, l’immagine Freedom is not Free è stata scattata prima dell’abrogazione del Don’t Ask Don’t Tell e i militari non potevano mostrarsi apertamente come gay senza temere ripercussioni.

Quanto del tuo progetto è autobiografico?

Sento che in qualche modo è autobiografico nel senso che è derivato dalla mia ammirazione per l’amore e l’intimità e le sue ampiamente diverse modalità di manifestarsi. Comunque, il progetto va molto più in là di me stessa ed è stato fortemente modellato dalle persone che mi hanno concesso di documentare momenti così personali all’interno delle loro vite.

Hai mai esibito The Intimacy Project offline?

Ho avuto in conclusione otto mostre personali a Pittsburgh e dintorni così come un po’ di spazio su testate locali. Le persone, sia nella comunità gay che in quella etero, sono state di gran sostegno ma sento che il mio raggio d’azione è limitato. Intendo pubblicare un libro di queste immagini così che possa essere diffuso sia a livello nazionale che internazionale.

Qual è la situazione dei diritti LGBT negli Stati Uniti?

Gli Stati Uniti hanno fatto molta strada in termini di diritti LGBT negli ultimi vent’anni, ma siamo ancora indietro rispetto altri paesi civilizzati. Alcuni stati stanno vincendo la battaglia per un diritto basilare ma importante come quello del matrimonio gay ma, tristemente, un numero maggiore è contrario a essi, inclusa la Pennsylvania, lo stato in cui vivo.

Cosa pensi che l’arte possa fare per questa causa?

Credo che sia principalmente la mancanza di visibilità che tiene molte persone in uno stato di ignoranza riguardo le condizioni di vita delle persone LGBT. Condividere queste fotografie con il mondo consente alla gente di vedere che l’amore è universale e che il vero amore permane oltre la diversità. Più visibilità queste immagini ottengono, meno tabù ci sarà nel vedere l’amore gay, dunque continua accettazione della diversità.

Sei mai stata in Italia (o in Europa)? Cosa sai dei diritti gay in Europa? Puoi tracciare un paragone tra l’Europa e gli Stati Uniti?

Non sono mai stata in Italia, ma sono stata in Inghilterra. La mia conoscenza dei diritti LGBT in Europa è limitata ma, dal mio livello di conoscenza, ci sono molti più diritti e protezioni per le persone LGBT e i loro partner. Cioè sto dicendo che le unioni civili e il matrimonio gay sono molto più accettati che negli Stati Uniti. Non c’è bisogno di dirlo, ma l’America dovrebbe essere molto più progredita, dal momento che le sue radici affondano nella libertà e nell’uguaglianza. (Italia e Grecia non riconoscono legalmente o garantiscono diritti alle coppie gay, due tristi eccezioni in mezzo agli altri paesi europei civilizzati – n.d.R.) 

Stai progettando di realizzare un’edizione cartacea di The Intimacy Project. Come possono contribuire le persone (per esempio i nostri lettori)?

Credo che la cosa più utile sarebbe che la gente mi aiutasse a passare parola sul progetto e a mostrare le immagini ad altri affinché le vedano. Foto selezionate del progetto sono disponibili per l’acquisto sul mio sito. Inoltre, sto raccogliendo piccoli contributi scritti da persone LGBT sull’argomento dell’intimità, da includere nel libro. Più informazioni su come partecipare possono essere trovate comunque sul mio sito.

Al momento stai lavorando ad altri progetti?

Al momento non ho altri progetti dello spessore di The Intimacy Project ma vado avanti con il mio lavoro di fotografa. La maggior parte del mio lavoro riguarda fotografare neonati ma faccio un po’ di tutto. La fotografia è la mia passione e continuerò a usarla come mezzo per ricordare alla gente ciò che conta davvero nella vita.

Comments
3 Responses to “Showcase: The Intimacy Project by Dawn Hartman”
  1. Bird says:

    Very beautiful pictures!!

  2. Thank you so much for sharing these. A couple of them absolutely touched something deep in my heart and one for some reason made me want to cry. I hope over time you will share more.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

    Follow

    Get every new post delivered to your Inbox.

    Join 1,675 other followers

    %d bloggers like this: