BOOK REVIEW: Uccellino del Paradiso (Little Bird of Heaven) by JOYCE CAROL OATES

Uccellino del Paradiso

(Little Bird of Heaven)

di Joyce Carol Oates

Recensione scritta da Giulia Bertelli

[scroll down for english translation]

Joyce Carol Oates fa parte di quel gruppo di scrittori contemporanei di cui aspetto con ansia l’uscita del nuovo libro. Proprio in questi giorni è stata pubblicata anche in Italia la sua ultima opera. Non solo secondo me, ma anche da critici e studiosi, Joyce Carol Oates è una delle più importanti voci della letteratura contemporanea. I suoi libri, e sono parecchi, sono sempre differenti, con un’anima tutta loro. Nessun altro scrittore riesce a mettere assieme così bene certi sentimenti umani. Sa amalgamare perfettamente assieme figure romantiche e personalità crudeli. Non ha paura di spingere la trama oltre qualche limite che spesso impaurisce molto scrittori. Però riesce anche a non cadere nella banalità della crudeltà, cosa anche questa che molti così detti scrittori non riescono a non fare.

Uccellino del Paradiso è scritto in prima persona, che come spesso mi succede, mi fa sembrare il libro più verosimile e ho un amore ancora più profondo per certi personaggi.

Sparta, nella contea di Herkimer, nello stato di New York, 1987, è quando inizia la nostra storia.

Una situazione come tante: una famiglia con due figli divisa, la madre contro il padre, ma questa è solo l’apparenza. Passano solo poche righe chè già scopriamo che è un omicidio a sconvolgere le vita della voce narrante, Krista, la sua famiglia e quella della vittima.

“Il tradimento è qualcosa di doloroso. Il tradimento è la ferita più profonda. Il tradimento è ciò che rimane dell’amore, quando questo finisce”.

Tutto ruota attorno a questo crimine, si va un po’ indietro nel tempo, poi di nuovo un po’ avanti e così fino alla fine. Prima a raccontare è Krista, poi lascia la parola per qualche capitolo ad Aaron, il figlio della donna assassinata per tornare a prendere la parola e raccontarci la fine di questa storia. Può sembrare una trama non troppo emozionante e noiosa, ma se Joyce Carol Oates mantiene una storia per quasi 500 pagine, un motivo c’è: tutti quei dettagli che sembrano irrilevanti nel pensare ad un omicidio, cosa succede prima, anni prima, nemmeno alla vittima, ma a una lontana spettatrice, si rivela essere la parte più importante del libro, lo scheletro che mantiene in piedi tutto.

-

Puoi comprare questo libro qui

-

-

***ENGLISH***

Little Bird of Heaven

by Joyce Carol Oates

Reviewed by  Giulia Bertelli

Joyce Carol Oates is one of those contemporary writers of which i anxiously wait the new publications. A few days ago her latest work was just published here in Ital. Joyce Carol Oates is not only in my opinion, but also for critics and academics, one of the most important voices of  contemporary literature. Her books, and they are many, are always different, with a different soul. None of the other writers can manage to put together so well certain human feelings. She perfectly blends together romantic figures and cruel personalities. She isn’t afraid to push the plot over some boundaries that often scare many writers. However she also manages not to fall into the banality of the cruelty, while many so-called writers can’t do it.

Little Bird of Heaven is written in first person, and as often happens, it makes me think the book is more likely and feel a love so much deeper for some characters. Sparta, in the Herkimer County, in the State of New York, 1987, is when our story begins. A situation like many others: a divided family, the mother against the father, with two children, but this is just an appearance. After just a few pages we discover that an homicide is what distresses the life of the storyteller, Krista, her family and the victim’s one.

Everything revolves around this crime, the story goes a bit back in the time, then again a bit forward and so on until the end. In the beginning is Krista who’s telling the story, then she leaves the word to Aaron for some chapters, the victim’s son, taking it back just in time to finish her story. It may sound like a dull and boring plot, but if Joyce Carol Oates keeps up a story for almost 500 pages there’s a reason: all those details that first looked so insignificant while investigating on a murder, like what happened years before not even to the victim, but to a distant observer, become in the end the whole core of the book, the structure keeping it all together.

-

You can buy this book here

Comments
2 Responses to “BOOK REVIEW: Uccellino del Paradiso (Little Bird of Heaven) by JOYCE CAROL OATES”
  1. Cat Forsley says:

    I LOVE HER AS WELL –
    ABSOLUTE GENIUS …..
    AND YES A TOTALLY DIFFERENT KIND OF SOUL ….
    GREAT REVIEW …..
    XX
    CAT

  2. Thank you for the review. I love Joyce Carol Oates and got the chance to meet her a few years back. She is quite a talented writer to look up to. :)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

    Follow

    Get every new post delivered to your Inbox.

    Join 1,662 other followers

    %d bloggers like this: